CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Reggio Emilia

Apple Store Google Play YouTube Instagram Twitter Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Animatori...è davvero tanta roba!

Grande successo del primo incontro del nuovo corso di formazione organizzato dal Centro Sportivo.

Alcune foto della serata--> Clicca qui

 

Domenica sera (30 Ottobre), all’oratorio Gran Pino di Cavriago, ha avuto luogo il primo appuntamento del percorso formativo “Animatori… tanta roba”, organizzato dal team formazione del Csi, diretto da Samuele Adani, con la stretta collaborazione di Stefano Davoli e Jessica Mammi, un’iniziativa alla quale si sono iscritti per ora quasi 180 ragazzi e ragazze da tutta la diocesi e che ieri ha visto la partecipazione di 144 animatori.

“Il colpo d’occhio è stato notevole – ci spiega proprio Samuele Adani – vedere la sala dell’oratorio di Cavriago gremita di ragazze e ragazzi è stato fantastico. L'intuizione alla base di “Animatori… tanta roba” mi è venuta durante la scorsa GMG a Cracovia: tanti ragazzi sono rimasti meravigliati e contenti del clima di sintonia e comunione che si respirava; l'idea alla base di questa proposta va nella stessa direzione: fare incontrare gli animatori delle parrocchie e non solo, allo scopo di far respirare loro la dimensione "universale" dell'essere animatori e in definitiva di essere giovani cristiani, per condividere assieme agli altri un percorso di crescita in modo da essere sempre più pronti e preparati nel prezioso compito che li vede al servizio dei tanti bambini dei nostri oratori e società sportive”.

 

Adani, perché il corso è stato organizzato in ottobre e non in prossimità dell'estate?

“La scelta del periodo è stata la grande scommessa. Noi non vogliamo formare animatori che vivano la dimensione del servizio solo un mese all’anno, ma persone che siano animatori tutto l’anno, nelle loro realtà e nella loro quotidianità. L’animazione dev’essere uno stile di vita che avvolge ogni nostra dimensione, dalla scuola, alle amicizie, alla famiglia. I ragazzi hanno risposto con grande entusiasmo a questo tipo di sollecitazione, ciò significa che c’è in loro il desiderio di vivere con autenticità il ruolo di animatore, ma soprattutto il desiderio di vivere durante tutto l'anno la stessa gioia e spirito di comunione tipici dell'oratorio estivo. In questo i ragazzi sono straordinari: se provocati con proposte esigenti loro rispondono con entusiasmo."

 

Com’è stato strutturato l’incontro?

“Si è sviluppato in due direzioni: la prima finalizzata, come detto, a fare incontrare tra loro i ragazzi provenienti da varie esperienze; la seconda vede il coinvolgimento di personaggi illustri che possano trasmettere i loro valori attraverso esperienze dirette personali e professionali, come il noto formatore Gigi Cotichella e l’attore Pietro Sarubbi, il quale sarà protagonista del prossimo appuntamento, mentre in febbraio speriamo di avere un grande nome della musica leggera che...è ancora top secret."

 

Qual era l’età media dei partecipanti?

“Il percorso formativo è stato aperto a tutti, ma i partecipanti hanno dai 14 ai 26 anni circa”.

 

Era rivolto solo alle parrocchie?

“L’iniziativa è stata aperta a tutti, ai centri sportivi, alle società, ma il grosso dei partecipanti è arrivato dalle parrocchie. Ci sono però anche animatori che arrivavano da realtà laiche”.

 

E’ possibile iscriversi ai prossimi appuntamenti anche in corso d’opera?

“Assolutamente sì, il costo è di soli 5 euro ad appuntamento e l’iscrizione avviene online sul sito www.csire.it”.

 

Quando vi rivedrete di nuovo? Di cosa parlerete?

“Ci incontreremo sabato 19 novembre, presso l’oratorio Giovanni Paolo II a Reggio, a Villa Ospizio, sempre dalle 18 alle 20. In quella sede avremo una testimonianza di vita e di fede da parte dell’attore Pietro Sarubbi, che grazie all’esperienza del teatro ha capito l’importanza di mettersi in relazione con gli altri e il valore della condivisione. Durante la sua partecipazione a The Passion di Mel Gibson, un film nel quale ha interpretato il ruolo di Barabba, è stato letteralmente “cambiato da uno sguardo”, com’egli stesso dice sempre. “Lo sguardo di Gesù Cristo flagellato – spiega Sarubbi -  mi ha talmente colpito che sono profondamente uscito cambiato da quell’esperienza." Nell’incontro del 19 l’attore racconterà la sua esperienza di vita e di fede. Vorremmo quindi che i ragazzi capissero che Gesù ci parla in ogni momento e usa anche strade creative e imprevedibili, pur di raggiungere il nostro cuore.

 

Nel primo incontro di cos’avete parlato?

“Il tema era “Animatore: one team show”, che è esattamente il contrario di “one man show”. Fare l’animatore significa vivere il gruppo, mettersi in relazione con gli altri e costruire la relazione col bambino. Essere animatori non significa sentirsi belli, bravi e colti, ma guardare un bambino negli occhi ed essere ripagati dallo sguardo felice che ci restituisce”.

 

C’è stata una certa partecipazione attiva dei presenti?

“Sì, sì, assolutamente. a Gigi sono bastati i primi secondi per "allacciare" una sintonia e una complicità con i ragazzi; in questo lui è un maestro e appena ha chiesto di partecipare alzandosi in piedi, ballando e applaudendo, ha trovato l’intesa e la partecipazione di tutti, creando un grande clima di gioia e allegria, lo stesso clima che si può trovare sempre in oratorio e che è stata ricreato in un attimo anche ieri sera”.

 

Adani, stili un primo bilancio di questo nuovo percorso formativo del Csi.

“E’ stato un grande inizio e siamo contenti soprattutto della risposta degli oratori che, da varie parti della provincia hanno risposto con entusiasmo. L’importante è che il successo del primo incontro non sia un fuoco di paglia nato soltanto dalla curiosità iniziale. Al Centro Sportivo preme creare un cammino, costruire un percorso con gli animatori allo scopo di aiutare questi ragazzi, anche il collaborazione con l'ufficio di Pastorale Giovanile diocesano, nel loro preziosissimo ruolo educativo.

 

L’obiettivo del Centro Sportivo è di consolidare questo progetto formativo anno dopo anno?

“Quello, almeno per ora, è un sogno. Ora ci auguriamo di consolidare i risultati ottenuti e ci concentrarci sui prossimi appuntamenti in calendario

 

Vuole chiudere ringraziando chi ha contribuito alla riuscita dell’evento?

“Volentieri, partendo dai ragazzi dell’oratorio “Gran Pino” di Cavirago che hanno partecipato numerosi, accogliendo gli animatori venuti da fuori con grande entusiasmo, riuscendo a creare un clima di festa e di gioia. Vorrei inoltre ringraziare il team formazione del Csi nello specifico Alessandro Munarini per la sua grande fiducia, Stefano Davoli e Jessica Mammi per il grande contributo concreto e gli amici della Pastorale Giovanile, don Giordano in particolare, che in queste settimane di preparazione ci hanno sostenuto e accompagnato nella finalizzazione di questo progetto.

 

Oltre agli incontri "frontali" cosa prevede il percorso "Animatori...tanta roba"?

“Con la bella stagione ci ritroveremo tutti il 23 aprile per una giornata insieme in preparazione dei vari centri estivi per poi concludere il percorso il 25 giugno con una grande festa finale per tutti gli animatori."

Fotogallery - Animatori Tanta Roba - Domenica 30 Ottobre 2016
Eventi, Attività, News
Video Gallery

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok