CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Reggio Emilia

  • Google Play
  • Apple Store   |  
  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube
  • Twitter

CSI RACCONTA: ‘Adotta una scuola’, quando l’inclusione prende vita

‘CSI Racconta’ muove i suoi primi passi in questo progetto molto speciale per ragazzi con disabilità

‘CSI Racconta’, la rubrica dedicata alla stra-ordinaria sportività delle società del nostro territorio, muove i suoi primi passi in un progetto molto speciale. ‘Adotta una scuola’ è un’iniziativa sponsorizzata dal Centro Sportivo, il Comitato Italiano Paralimpico e dal Lions Club che organizza delle lezioni di sport ‘su misura’ per i ragazzi con disabilità, con l’aiuto anche degli istituti scolastici che mettono a disposizione i mezzi per portare i ragazzi.

 

A questo punto dell’anno scolastico, le attività indoor stanno per cedere il passo alla primavera. Judo (palestra Dojo SDK), bowling (Scandiano), danza (palestra Danzarte) e nuoto (piscine via Melato): quattro discipline che, modulate durante l’autunno e l’inverno, hanno richiamato la partecipazione (volontaria) di tantissimi alunni, sia con disabilità che normodotati.

 

Il valore di ‘Adotta una scuola’ infatti non sta solo nel rendere possibile l’attività motoria a tutti gli studenti, ma nel creare un’armonia tra i compagni. «Loro sono due ragazzi splendidi», afferma Luca (nome di fantasia), normodotato e compagno di classe di due ragazzi disabili che insieme a lui hanno fatto giocato a bowling per una mattinata intera. «Tra l’altro sono stati bravissimi perché mi hanno battuto e devo dire che questo un po’ mi brucia - continua Luca, ridendo -. È stata davvero una piacevole mattinata». 

 

«Abbiamo cercato di adeguare la coreografia e vediamo che rispondono molto bene – affermano le insegnanti di danza Valentina Cuoco e Rahel Righi –. Diciamo che all’inizio ci siamo ‘studiati’ e in base alla loro capacità di concentrazione abbiamo modulato l’attività. In sala, insieme a loro, vogliamo cercare di tirar fuori la parte più istintiva. La danza è un modo per comunicare col proprio corpo e loro, anche inconsapevolmente, testano le loro potenzialità accorgendosi di riuscire a seguire un percorso nello spazio»

 

Tutte le attività hanno seguito un iter di circa dieci appuntamenti, con merenda e premiazioni finali. Secondo il livello di abilità dei ragazzi alcuni impianti sono stati modificati, è il caso della pista da bowling di Scandiano con quattro piste munite di margini rigidi ai lati per agevolare il gioco. Nei prossimi mesi, con atletica e ciclismo, gli studenti potranno passare alle attività outdoor.


Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok